Musica – 8 Film sulla storia della musica classica

“Bach è un astronomo che ha scoperto le stelle più belle. Beethoven si misura con l’universo. Io cerco solo di esprimere il cuore e l’anima dell’uomo.”
FRÉDÉRIC CHOPIN

La musica classica, che piaccia o meno, è indissolubilmente legata alla storia e alla cultura europea.
Essa abbraccia approssimativamente un arco di tempo che comincia dall’XI secolo e si estende fino al XX secolo o, a seconda delle convenzioni, fino all’età contemporanea.
I più grandi musicisti che hanno scritti innumerevoli capolavori hanno avuto spesso vite movimentate, strane, sicuramente straordinarie, e molte di queste sono state raccontate in diversi film. più o meno famosi.

Qui vi presento una mia personalissima selezione.

AMATA IMMORTALE

Film del 1994 di Bernard Rose basato sulla vita del compositore e pianista tedesco Ludwig van Beethoven, interpretato da un eccezionale Gary Oldman, e con Isabella Rossellini e Valeria Golino.
Il film segue la ricerca svolta da Anton Schindler, amico di Beethoven, fatta per scoprire l’identità della destinataria di una famosa lettera, realmente trovata tra le carte del compositore, e dell’eredità, intrecciandosi con frammenti della vita stessa dell’artista.
Qui vediamo una in cui Beethoven, pensando di non essere visto da nessuno, accosta l’orecchio al piano per sentire le vibrazioni, e suona il Chiaro di Luna.

FARINELLI – VOCE REGINA

Film del 1994 del regista belga Gérard Corbiau, sulla vita del celebre cantante castrato del XVIII secolo Carlo Broschi (Stefano Dionisi), in arte Farinelli.
La trama narra soprattutto il periodo londinese del cantante, che vi andò ospite del compositore Nicola Porpora, che lavorava al Teatro della Nobiltà, in competizione diretta con Händel, che invece scriveva per il Covent Garden. Il sogno di Farinelli è però quello di lavorare con Händel, ma quest’ultimo lo insulta ripetutamente definendolo “un essere asessuato” e lo scaccia.
Carlo allora gli sottrae il suo ultimo manoscritto e lo mette in scena. Il compositore, seduto in galleria, capisce il raggiro ma in preda all’estasi scatenata dall’assolo di Farinelli viene colto da un malore.
Il film è stato premiato come miglior film straniero ai Golden Globe e ha ricevuto una nomination all’Oscar.
Eccovi la scena dell’assolo.

IL VIOLINISTA DEL DIAVOLO

Altro film di Bernard Rose ma del 2013, narra il periodo inglese di Niccolò Paganini, interpretato dal violinista tedesco David Garrett. Rose sviluppa la storia affiancando i fatti storici ad una narrazione fantastica, ispirata alla nomea di “violinista del Diavolo” che Paganini di fece durante la sua vita. Tale leggenda deriva dal particolare modo di suonare di Paganini, evidente nelle opere “trillo del Diavolo” e “le Steghe”, che riusciva a suonare più corde alla volta e dava quindi l’impressione che qualcosa di invisibile suonasse assieme a lui.
In questa scena vediamo le reazioni durante il suo concerto.

LE ROI DANSE

La vita di Giovanni Battista Lulli alla corte del Re Sole. Film del 2001 racconta lo strano rapporto tra il musicista e Luigi XIV, amante dei balletti e grande ballerino, che utilizzò la musica e la danza anche per dimostrazioni plateali del suo potere assoluto. In questo video vediamo una scena piuttosto emblematica.

TUTTE LE MATTINE DEL MONDO

Film del 1991 diretto da Alain Corneau e con Gerard Depardieu, tratto dall’omonimo romanzo di Pascal Quignard. Presentato al Festival di Berlino 1992, è stato candidato come miglior film straniero ai Golden Globes ed ha vinto sette Premi César.
La pellicola narra la storia di due musicisti legati da un intenso, contraddittorio rapporto maestro-allievo: Marin Marais, compositore vissuto tra XVII e XVIII secolo, prima allievo di Jean Baptiste Lully e poi musicista da camera del re Luigi XIV, e il misterioso musicista Monsieur de Sainte Colombe. La colonna sonora del film venne curata da Jordi Savall, musicista che per decenni si è dedicato alla riscoperta di tesori musicali abbandonati.

IMPROMPTU

Film del 1991 con un giovanissimo Hugh Grant nei panni di Fryderyk Chopin, Judy Davis nei panni di George Sand e Emma Thompson in quelli della Duchessa d’Antan.
La pellicola racconta la storia d’amore di George Sand con Chopin e il supporto da lei datogli durante la sua malattia.

ROSSINI! ROSSINI!

Film di Mario Monicelli con Sergio Castellitto nei panni di Rossini da giovane, Philippe Noiret in quelli del compositore da anziano, Giorgio Gaber nei panni del suo impresario Barbaja, Jacqueline Bisset interpreta Isabella Colbran e Vittorio Gassman Ludwig van Beethoven.
L’anziano Rossini,da tempo residente oltralpe, ricorda la sua vita e i suoi amori insieme alla moglie e ad alcuni amici, tra i quali Costantino Nigra e il Conte de La Rochefoucauld.
Il film parte dell’infanzia di Rossini, passando alla sua affermazione e al suo successo del Barbiere di Siviglia.

 

AMADEUS

Celeberrimo film del 1984 di Miloš Forman, è ritenuto uno dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.
Antonio Salieri (F. Murray Abraham, che vinse l’oscar come migliore attore in questo film) è il rivale di Mozart. Ormai vecchio tenta il suicidio e viene quindi rinchiuso in manicomio. Durante la confessione decide di raccontare al giovane prete la sua storia e quella di Mozart. Parte quindi una serie di flashback che narrano l’ascesa e la caduta del più grande prodigio della musica classica. Mozart morì a 35 anni di vita riuscì a scrivere oltre 300 opere tra concerti, sinfonie e opere liriche.

Su questo film avevo già scritto un post dedicato.
Qui vediamo la scena in cui Mozart viene ricevuto dall’imperatore e da Salieri.

Lascia un commento